INIZIO PAGINA



Vai ai contenuti
Vai a "Macro aree"
Vai a "Pianifica la tua vacanza"
Vai a "Link utili"


Valtellina.it

VALTELLINA SITO UFFICIALE
VALTELLINA SITO UFFICIALE

lingue
CERCA


LE MACRO AREE

ARTE E CULTURA
VOI SIETE QUI:  | HOMEPAGE  | ARTE E CULTURA  | DETTAGLIO


CONTENUTI

Ecomuseo Minerario della Bagnada

Ecomuseo Minerario della Bagnada - Foto 1 Ecomuseo Minerario della Bagnada - Foto 2 Ecomuseo Minerario della Bagnada - Foto 3
 L'ecomuseo Minerario della Bagnada nasce nel comune di Lanzada con l'idea di raccontare la storia di un'attività che ha segnato la vita dei valligiani e connotato fortemente il territorio della Valmalenco: l'estrazione del talco

La Miniera della Bagnada fu scoperta verso la fine degli anni ’20 dalla Società Anonima di Amianto dell’ingegner Grazzani di Milano, che ottenne la prima concessione di ricerca mineraria nel 1936.
In realtà, già nel 1870, alcune società impegnate nell’estrazione dell’amianto intuirono le potenzialità del talco; tuttavia le difficoltà tecniche e la scarsa richiesta sul mercato di una materia prima ancora poco conosciuta fecero cadere l’interesse.
Lo sfruttamento intensivo del giacimento della Bagnada, scoperto appunto durante le ricerche di nuovi filioni di amianto, si prolungò per oltre 50 anni, fino alla metà degli anni 80. L’attività di coltivazione della Miniera era piuttosto rudimentale, basata sul lavoro manuale e priva di aiuti di tipo meccanico. Prevedeva il trasferimento del talco attraverso teleferiche e un’organizzazione della forza lavoro in squadre di 25 minatori che si dividevano le incombenze di ogni giorno. L’estrazione del talco rappresenta ancora oggi un aspetto fondamentale nell’economia della Valmalenco, che con una sola miniera attiva si impone nel mercato internazionale. Certo, l’evoluzione tecnologica ha apportato alle modalità di coltivazione profondi cambiamenti in termini di modernità, senza cancellare la memoria storica che la Miniera della Bagnada vuole oggi testimoniare.
Oggi è possibile visitare la miniera situata nel comune di Lanzada

Il percorso tematico si articola in tre momenti:
Visita della Galleria 
Incontro con il talco, spostamenti nella miniera di uomini e materiali, fasi del lavoro in miniera, sistema di coltivazione, incontro con i quarzi;
Museo Minerario
Incontro con la storia, oggetti del lavoro in miniera e di altre attività estrattive;
Museo Mineralogico
Esposizione dei minerali della Valmalenco.

Orario di apertura 2014:
Le visite si eseguono solo su prenotazione presso il Consorzio Turistico Sondrio Valmalenco tel. +39 0342 451150.
La visita guidata sarà effettuata con minimo 10 persone richiedenti.

Prezzi:
8 euro - ingresso ridotto - bambini 5/12 anni e anziani oltre i 70 annni
11 euro - ingresso intero
Per i gruppi di almeno 10 persone si possono organizzare visite ad hoc

Maggiori informazioni:
informazioni@minieradellabagnada.it
www.minieradellabagnada.it

In allegato è possibile scaricare il depliant del Museo.

Per informazioni:
Ufficio Turistico Sondrio Valmalenco
Tel. +39 0342 451150 - +39 0342 219246 -  info@sondrioevalmalenco.it 


  Brochure Miniera della Bagnada.pdf


  
Condividi

Logo attestante il superamento, ai sensi della	Legge n. 4/2004, della verifica tecnica di accessibilità.    progetto cofinanziamento dell'Unione Europea
Valtellina Turismo: Via Trieste, 12 - 23100 Sondrio - Tel. +39 0342 683470 - Fax +39 0342 519652 - turismo@valtellina.it



Torna inizio pagina
Vai ai contenuti
Vai a "Macro aree"
Vai a "Pianifica la tua vacanza"
Vai a "Link utili"