Pizzoccheri

 

Se amate la Valtellina, non potete non apprezzare la bontà dei pizzoccheri, prodotto simbolo della cucina locale che ha ottenuto il riconoscimento "Bandiera del gusto" dalla Coldiretti. La ricetta dei pizzoccheri è tramandata di generazione in generazione. Gustateli a Teglio, l’antico borgo dove sono nati, o fate una tappa nei ristoranti, nelle osterie e nelle trattorie di tutta la Valtellina dove sono ancora preparati a mano, così come vuole la tradizione. Gli ingredienti? Farina nera di grano saraceno e bianca. La pasta ricavata, di colore scuro, viene lavorata fino ad ottenere delle tagliatelle che poi sono cotte con verze e patate e, infine, condite generosamente con burro d’alpe e formaggio locale. Secondo la ricetta originale sono servite con una spruzzata di pepe. I pizzoccheri  sono apprezzati e “copiati” ovunque; così in Valtellina è nata l’Accademia del Pizzocchero (linkare)  che vigila sull’originalità del piatto promuovendo studi e approfondimenti.

Info: www.accademiadelpizzocchero.it

Pizzoccheri

 

La tradizione povera e contadina della Valtellina si ritrova in un piatto tipico conosciuto e apprezzato in tutta Italia. I Pizzoccheri della Valtellina IGP sono una pasta a base di farina di grano saraceno. La loro origine è nota fin dal 1750. Proveniente dalla Siberia, il grano saraceno è coltivato in Valtellina fin dal 1600.

Gelosa custode della ricetta originale di questo piatto tipico è l'Accademia del Pizzocchero di Teglio:  www.accademiadelpizzocchero.it

Ingredienti (dosi per 4 persone)
  • 400 gr. di farina di grano saraceno
  • 100 gr. di farina bianca
  • 200 gr. di burro
  • 250 gr. di formaggio Valtellina Casera dop (den.ne di origine protetta)
  • 150 gr. di formaggio in grana da grattugia 
  • 200 gr. di verze
  • 250 gr. di patate
  • uno spicchio di aglio, pepe
Preparazione:

Mescolare le due farine, impastarle con acqua e lavorare per circa 5 minuti. Con il mattarello tirare la sfoglia fino ad uno spessore di 2-3 millimetri dalla quale si ricavano delle fasce di 7-8 centimetri. Sovrapporre le fasce e tagliarle nel senso della larghezza, ottenendo delle tagliatelle larghe circa 5 millimetri. Cuocere le verdure in acqua salata, le verze a piccoli pezzi e le patate a tocchetti, unire i pizzoccheri dopo 5 minuti (le patate sono sempre presenti, mentre le verze possono essere sostituite, a seconda delle stagioni, con coste o fagiolini). Dopo una decina di minuti raccogliere i pizzoccheri con la schiumarola e versarne una parte in una teglia ben calda, cospargere con formaggio di grana grattugiato e Valtellina Casera DOP a scaglie, proseguire alternando pizzoccheri e formaggio. Friggere il burro con l'aglio lasciandolo colorire per bene, prima di versarlo sui pizzoccheri. Senza mescolare servire i pizzoccheri bollenti con una spruzzata di pepe.