Vini DOC e DOCG

 

Scoprite la storia e il gusto dei vini della Valtellina che, fin dai tempi dei Romani, è terra di viti e vino. Provate ad attraversare la vallata: sarete sorpresi dallo straordinario sistema terrazzato con una miriade di muretti a secco in sasso che rendono possibile la coltivazione della vite nelle zone ripide e più soleggiate delle Alpi Retiche. Fermatevi dai produttori e chiedete di assaggiare il frutto del loro lavoro: i vini della Valtellina - protetti dal marchio DOC (Denominazione di origine controllata) e DOCG (Denominazioni di Origine Controllate e Garantite) – nascono da uve nebbiolo e hanno una grande personalità. Fra i DOCG non perdetevi lo Sforzato, un passito rosso secco  o il Valtellina Superiore, prodotto con le uve dell’area compresa tra Berbenno di Valtellina e Tirano, suddiviso nelle cinque sotto denominazioni Maroggia, Sassella, Grumello, Inferno e Valgella. Lasciatevi condurre nel mondo della viticoltura dal grande regista Ermanno Olmi che proprio al vino della Valtellina ha dedicato il docu-film “Rupi del Vino”.

Info: www.consorziovinivaltellina.com
         www.stradavinivaltellina.com

I Crotti della Valchiavenna

 
 

I Crotti della Valchiavenna sono cavità naturali formate dall’addossarsi di macigni staccatisi dai fianchi della montagna in epoca preistorica. Tra gli spiragli di questi massi soffia il "sorèl", corrente d’aria a temperatura costante (+6/8 gradi), da sempre sfruttata per la stagionatura e la conservazione del vino e dei prodotti locali: bresaole, insaccati, violini di capra e formaggi. In Valchiavenna, quasi ogni comune ha una sua zona dove i crotti formano degli insiemi edilizi e urbanistici molto suggestivi.

Alcuni crotti, oggi aperti al pubblico, sono diventati ristoranti dove gustare piatti genuini e ricchi di tradizione in un ambiente tipico a cui non manca un tocco di raffinatezza.