Castelli

 

Fate un giro nella memoria storica della Valtellina. Troverete fortificazioni su speroni di roccia, come il Castel Masegra di Sondrio di epoca medievale o, poco lontano, il Castello Paribelli di Albosaggia.  Se i resti del Castel De Piro al Grumello di Montagna in Valtellina affacciano sui vigneti terrazzati dove si produce l'omonimo vino rosso Valtellina Superiore DOCG, la Torre “De li Beli Miri” domina la Valtellina dal dosso di Teglio. A Bormio, nella centrale piazza Cavour, incrocerete la Torre delle Ore di origine medievale e, poco distante,  il Castello De Simoni, sede del Comune, mentre in Valchiavenna, tra Gordona e Samolaco, sorge la torre di Segname, ancora intatta. Dalla Valdidentro a Teglio, dalla Valmalenco a Chiuro fino a Mello: sono tantissime le testimonianze del passato comprese le città di Chiavenna e Tirano con i resti delle mura che fece erigere Ludovico il Moro. Fate, infine, un giro tra le opere difensive della prima guerra mondiale, come il Forte Venini di Oga  in Valdisotto  o il Forte Montecchio Nord e quello di Fuentes, a Colico, o alla Galleria di Mina di San Fedele a Verceia.

Vai a Cultura

Morbegno e dintorni

foto di formato 750 x 370
 

Morbegno (262 m s.l.m.)- si trova allo sbocco della Valgerola. La sua posizione favorì, sin dalla prima metà del XIV secolo, scambi e contatti con le comunità del comasco, della pianura padana e della Bergamasca attraverso il Passo S. Marco. La soliva sponda Retica è percorsa da strade e sentieri, che corrono fra vigneti e castagneti e collegano paesi e chiesette. Interessanti gli itinerari bike con suggestive tappe che partono direttamente dal centro città oppure dal Sentiero Valtellina, dove è sempre attivo il servizio Valtellina Rent a Bike. Ricca di storia e arte, Morbegno è attraversata dal torrente Bitto che scende dalla Valgerola, dove si produce il famosissimo formaggio Bitto, presidio Slow Food e protagonista dell’annuale Mostra del Bitto, che si può degustare e acquistare nei negozi storici di prodotti tipici. Rinomata anche la manifestazione Morbegno in Cantina durante la quale è possibile degustare i prestigiosi vini della Valtellina. Da vedere la collegiata di S. Giovanni Battista (XVIsec.) con tele dei Ligari, del Petrini e di altri insigni artisti, la chiesa sconsacrata di S. Antonio, ora auditorium, il Santuario dell’Assunta,consacrato nel 1506, la chiesa di S. Rocco (1530), palazzo Malacrida, il ponte di Ganda. Morbegno diede i natali al pittore Pietro Romegialli (1738-1799) e all’economista e politico Ezio Vanoni (1903-1956).

Info: www.portedivaltellina.it

 

Approfondimenti

  1. Castello di Domofole

Castelli

  1. Castello di Domofole

    Mello
    Tel: +39 0342 601140
    info@portedivaltellina.it

Uffici Informazioni

  1. Consorzio Turistico Porte di Valtellina

    Morbegno
    Tel: +39 0342 601140 
    info@portedivaltellina.it

Dove soggiornare

Alberghi

  1. 5
  2. 4
  3. 3
  4. 2
  5. 1

Dove mangiare

Gustare la bresaola della Valtellina. Un salume delizioso e salutare, garantito dal marchio IGP, prodotto secondo le severe regole del disciplinare di produzione e nel rispetto della tradizione. Assaggiare le mele IGP di Valtellina, nelle varietà Golden Delicious, Red Delicious e Gala, un prodotto eccellente che presenta tutte le caratteristiche della mela di montagna: croccante, profumata, aromatica e succosa. Scoprire nel sapore del formaggio Bitto l'aroma delle erbe di montagna o degustare il formaggio Valtellina Casera, semigrasso di latteria di antica tradizione.

Altre attività Morbegno e dintorni