Castelli

 

Fate un giro nella memoria storica della Valtellina. Troverete fortificazioni su speroni di roccia, come il Castel Masegra di Sondrio di epoca medievale o, poco lontano, il Castello Paribelli di Albosaggia.  Se i resti del Castel De Piro al Grumello di Montagna in Valtellina affacciano sui vigneti terrazzati dove si produce l'omonimo vino rosso Valtellina Superiore DOCG, la Torre “De li Beli Miri” domina la Valtellina dal dosso di Teglio. A Bormio, nella centrale piazza Cavour, incrocerete la Torre delle Ore di origine medievale e, poco distante,  il Castello De Simoni, sede del Comune, mentre in Valchiavenna, tra Gordona e Samolaco, sorge la torre di Segname, ancora intatta. Dalla Valdidentro a Teglio, dalla Valmalenco a Chiuro fino a Mello: sono tantissime le testimonianze del passato comprese le città di Chiavenna e Tirano con i resti delle mura che fece erigere Ludovico il Moro. Fate, infine, un giro tra le opere difensive della prima guerra mondiale, come il Forte Venini di Oga  in Valdisotto o alla Galleria di Mina di San Fedele a Verceia.

Vai a Cultura

Teglio

Teglio (856 m s.l.m.) - sul versante Retico, rivolto a mezzogiorno verso le Prealpi Orobie, l'antico borgo di Teglio gode di una posizione privilegiata. Baciato dal sole è luogo ideale per diverse colture: quella della vite, della segale e del grano saraceno, ingrediente principale del più famoso piatto della cucina tipica locale. La ricetta originale dei Pizzoccheri è oggi tutelata dall'Accademia del Pizzocchero. Abitato fin dai tempi più antichi, il paese di Teglio ha sempre giocato un ruolo strategico. Evidenti i segni delle diverse dominazioni che si sono susseguite: dai Romani, ai Longobardi, ai Grigioni fino alla Repubblica Cisalpina di Napoleone. Oggi considerato uno dei borghi più belli d'Italia, vi offre oltre ai sapori della tradizione una grande varietà di testimonianze artistico-culturali. Meritano una visita: Palazzo Besta, antica dimora cinquecentesca rinascimentale, con annesso l’Antiquarium Tellinum – la torre “De li Beli Miri” - la parrocchiale di S. Eufemia (XV sec.) - l’oratorio dei Bianchi con l’affresco di facciata “la Danza Macabra” (XV sec.) - la chiesetta romanica di S. Pietro. Teglio è una  "Città Slow" certificata. Grazie alla qualità dell’accoglienza, alla salvaguardia degli aspetti storici, artistici e naturali e alla buona tavola  fa parte della  rete internazionale delle città del buon vivere.

Info:  www.valtellinaturismo.com

Approfondimenti

  1. Torre De Li Beli Miri

Dove soggiornare

Alberghi

  1. 5
  2. 4
  3. 3
  4. 2
  5. 1

Dove mangiare

Gustare la bresaola della Valtellina. Un salume delizioso e salutare, garantito dal marchio IGP, prodotto secondo le severe regole del disciplinare di produzione e nel rispetto della tradizione. Assaggiare le mele IGP di Valtellina, nelle varietà Golden Delicious, Red Delicious e Gala, un prodotto eccellente che presenta tutte le caratteristiche della mela di montagna: croccante, profumata, aromatica e succosa. Scoprire nel sapore del formaggio Bitto l'aroma delle erbe di montagna o degustare il formaggio Valtellina Casera, semigrasso di latteria di antica tradizione.

Altre attività Teglio