Laboratori della Pietra Ollare

Andate alla ricerca della pietra ollare in Valmalenco e in Valchiavenna, le principali zone di estrazione della Valtellina. Le particolarità della pietra ollare? È  molto resistente al fuoco e permette di conservare il calore a lungo; nella tradizione è utilizzata per ricavare pentole (i “Lavecc”) ottime per cucinare stufati, risotti, sughi, zuppe, mentre la “pioda”, una lastra della stessa pietra, è perfetta per la carne alla brace. Della pietra ollare vi colpirà la produzione artistica: molti artigianati la decorano con disegni incisi a mano o la scolpiscono per ottenere oggetti dagli ornamenti molto apprezzati. Un pezzo della tradizione e dell'arte valtellinese.

    Altri luoghi per Laboratori della Pietra Ollare

  1. Chiavenna e dintorni
  2. Morbegno e dintorni
  3. Sondrio e dintorni
Vai a Sapori e Artigianato

Valmalenco

 

Valmalenco (da 800 a oltre 1000 m slm) - dapprima aspra e angusta si apre in un ampio scenario dominato dai gruppi montuosi del Disgrazia, del Bernina e dello Scalino. Chiesa, Caspoggio e Lanzada fanno parte di un comprensorio ideale per lo sport e il tempo libero. L'Alpe Palù, che si raggiunge con la Snow Eagle, la più grande funivia al mondo, ospita un' ampia skiarea con piste e impianti per lo sci alpino, lo sci nordico e lo snowboard. Innumerevoli i tracciati per gli sci alpinisti e per gli amanti delle ciaspole. Per chi vuole ripercorrere le vie che hanno fatto la storia dell'alpinismo, la scelta è ampia: il Pizzo Bernina, il Monte Disgrazia, il Pizzo Scalino, il ghiacciaio dello Scerscen. Per gli escursionisti un’articolata rete di sentieri collega fra loro numerosi rifugi. Da non perdere l'Alta Via della Valmalenco, 110 km in otto tappe, il Sentiero Rusca e l'Antica Via della Valmalenco, itinerario secolare che da Sondrio arriva al Passo del Muretto e sconfina in Svizzera. Vasta scelta anche per i bikers, per gli appassionati di cross country e di free ride. Da visitare la Chiesa parrocchiale dei SS. Giacomo e Filippo con tele dei Ligari e a Primolo il Santuario della Madonna delle Grazie (XVII sec.). Lasciatevi stupire dalle imponenti cave e della lavorazione delle pietre, come il serpentino e la pietra ollare, utilizzata per i “lavecc”, preziose pentole di pietra. 

www.sondrioevalmalenco.it

Dove mangiare

Gustare la bresaola della Valtellina. Un salume delizioso e salutare, garantito dal marchio IGP, prodotto secondo le severe regole del disciplinare di produzione e nel rispetto della tradizione. Assaggiare le mele IGP di Valtellina, nelle varietà Golden Delicious, Red Delicious e Gala, un prodotto eccellente che presenta tutte le caratteristiche della mela di montagna: croccante, profumata, aromatica e succosa. Scoprire nel sapore del formaggio Bitto l'aroma delle erbe di montagna o degustare il formaggio Valtellina Casera, semigrasso di latteria di antica tradizione.

Altre attività Valmalenco