Parapendio e deltaplano

 

Vivete la natura a contatto con l’aria sperimentando l’ebbrezza del volo. Fare parapendio in Valtellina è un’esperienza entusiasmante. Numerose sono le zone di lancio, dove potete assaporare il piacere di lasciarvi cullare dal vento, nel totale silenzio, ammirando panorami imperdibili. A rendere l'avventura più eccitante c'è la sfida della Breva, il vento termico che soffia dal lago di Como fino all'Alta Valtellina. Potete partire da Carnale, a 1250 metri sopra Sondrio, per atterrare nel fondovalle. Oppure durante la stagione invernale lanciarvi dai tremila metri della Cima Bianca e arrivare fino a Bormio: un lunghissimo volo con un dislivello di 1800 metri. Oppure a Livigno o in Valchiavenna dove tanti parapendisti atterrano a San Cassiano lanciandosi dai 1165 metri di Premorel o dai 2030 del monte Fariolo. Provate, infine, l’esperienza del parapendio biposto, in volo con un istruttore. 

    Altri luoghi per Parapendio e deltaplano

  1. Livigno
  2. Sondrio e dintorni
Vai a Energia

Chiavenna e dintorni

foto di formato 750 x 370
 

Chiavenna (333 m s.l.m.)  - di probabile origine etrusca, fu stazione romana. Era la via più breve di collegamento tra la pianura padana e il centro Europa. Posta fra la valle di San Giacomo, verso il Passo dello Spluga e la val Bregaglia, verso il Passo del Maloja, Chiavenna è un importante punto di scambio fra l'Italia e l'Europa. Percorribili ancora oggi le vie Spluga e Bregaglia che giungono a Thusis e a Maloja nei Grigioni. Due itinerari escursionistici transfrontalieri ricchissimi di storia e cultura: camminando si incontrano numerosi xenodochi, antichi punti di accoglienza per i fedeli e i viaggiatori. Imperdibile per gli amanti delle due ruote la ciclabile della Valchiavenna. Lasciatevi stupire dalle spettacolari Cascate dell’Acquafraggia a Borgonuovo di Piuro. Da vedere la collegiata di S. Lorenzo (XI-XVIII sec.) con il fonte battesimale (1156), il museo del Tesoro con la preziosa copertina di evangeliario chiamata “Pace” (XI-XII sec.), il palazzo dei conti Balbiani (XV sec.), i palazzi Salis (XV  III sec.), Pestalozzi e Pretorio (XVI sec.), la cava romana di pietra ollare “Caurga”, il mulino di Bottonera (XIX sec.), il museo archeologico e giardino botanico “Paradiso” e la “Cort di Asen” nonché lo splendido Palazzo Vertemate Franchi a Piuro, una delle più prestigiose dimore cinquecentesche della Lombardia. Caratteristici sono i crotti, cavità naturali, tra gli spiragli dei quali soffia il “sorèl”, corrente d’aria a temperatura costante, ottima per la stagionatura della brisaola e degli insaccati e per l’invecchiamento del vino, prodotti protagonisti della famosa "Sagra dei Crotti". Chiavenna è una "Città Slow".

Info: www.valchiavenna.com

 

Dove mangiare

Gustare la bresaola della Valtellina. Un salume delizioso e salutare, garantito dal marchio IGP, prodotto secondo le severe regole del disciplinare di produzione e nel rispetto della tradizione. Assaggiare le mele IGP di Valtellina, nelle varietà Golden Delicious, Red Delicious e Gala, un prodotto eccellente che presenta tutte le caratteristiche della mela di montagna: croccante, profumata, aromatica e succosa. Scoprire nel sapore del formaggio Bitto l'aroma delle erbe di montagna o degustare il formaggio Valtellina Casera, semigrasso di latteria di antica tradizione.

Altre attività Chiavenna e dintorni