Parchi e Riserve Naturali

 

Entrate in un’oasi verde nel cuore delle Alpi. Oltre la metà del territorio della Valtellina accoglie parchi e riserve naturali. Meta eccezionale tutta da scoprire è il Parco Nazionale dello Stelvio, il più grande dell’Arco Alpino. Attraverso percorsi segnalati potete incontrare cervi, caprioli, camosci, stambecchi, volpi, ermellini e marmotte, mentre in volo si librano aquile reali, falchi e gipeti. Area protetta di grande pregio è il Parco delle Orobie Valtellinesi il cui simbolo è il gallo cedrone. C’è, poi, un ospite d’eccezione: è un orso bruno che vive all'Osservatorio eco-faunistico alpino dell'Aprica, in una “casa” di 25 mila metri quadrati, all’interno della quale si snoda un sentiero didattico-naturalistico attrezzato che porta a vedere animali di difficile osservazione in natura. Nei pressi di Aprica c'è anche la Riserva Naturale di Pian Gembro con alcune rare specie botaniche. Se la Riserva Naturale della Val di Mello vi stupirà per la bellezza dei paesaggi racchiusi da verticali  pareti rocciose di ghiandone, un granito adatto all'arrampicata, nel fondovalle trovate la Riserva Naturale del Pian di Spagna e del Lago di Mezzola, un punto di incontro tra lago di Como, Valtellina e Valchiavenna. La riserva ospita una ricchissima avifauna e regale notevoli suggestioni paesaggistiche.

Vai a Natura e paesaggi

Chiavenna e dintorni

foto di formato 750 x 370
 

Chiavenna (333 m s.l.m.)  - di probabile origine etrusca, fu stazione romana. Era la via più breve di collegamento tra la pianura padana e il centro Europa. Posta fra la valle di San Giacomo, verso il Passo dello Spluga e la val Bregaglia, verso il Passo del Maloja, Chiavenna è un importante punto di scambio fra l'Italia e l'Europa. Percorribili ancora oggi le vie Spluga e Bregaglia che giungono a Thusis e a Maloja nei Grigioni. Due itinerari escursionistici transfrontalieri ricchissimi di storia e cultura: camminando si incontrano numerosi xenodochi, antichi punti di accoglienza per i fedeli e i viaggiatori. Imperdibile per gli amanti delle due ruote la ciclabile della Valchiavenna. Lasciatevi stupire dalle spettacolari Cascate dell’Acquafraggia a Borgonuovo di Piuro. Da vedere la collegiata di S. Lorenzo (XI-XVIII sec.) con il fonte battesimale (1156), il museo del Tesoro con la preziosa copertina di evangeliario chiamata “Pace” (XI-XII sec.), il palazzo dei conti Balbiani (XV sec.), i palazzi Salis (XV  III sec.), Pestalozzi e Pretorio (XVI sec.), la cava romana di pietra ollare “Caurga”, il mulino di Bottonera (XIX sec.), il museo archeologico e giardino botanico “Paradiso” e la “Cort di Asen” nonché lo splendido Palazzo Vertemate Franchi a Piuro, una delle più prestigiose dimore cinquecentesche della Lombardia. Caratteristici sono i crotti, cavità naturali, tra gli spiragli dei quali soffia il “sorèl”, corrente d’aria a temperatura costante, ottima per la stagionatura della brisaola e degli insaccati e per l’invecchiamento del vino, prodotti protagonisti della famosa "Sagra dei Crotti". Chiavenna è una "Città Slow".

Info: www.valchiavenna.com

 

Luoghi

  1. Consorzio Riserva Naturale Pian di Spagna - Lago di Mezzola

    Sorico, Via Della Torre 1/A
    Dubino, Novate Mezzola, Verceia
    Tel: +39 0344 84251
    piandispagna@libero.it
    http://www.piandispagna.it

Dove mangiare

Gustare la bresaola della Valtellina. Un salume delizioso e salutare, garantito dal marchio IGP, prodotto secondo le severe regole del disciplinare di produzione e nel rispetto della tradizione. Assaggiare le mele IGP di Valtellina, nelle varietà Golden Delicious, Red Delicious e Gala, un prodotto eccellente che presenta tutte le caratteristiche della mela di montagna: croccante, profumata, aromatica e succosa. Scoprire nel sapore del formaggio Bitto l'aroma delle erbe di montagna o degustare il formaggio Valtellina Casera, semigrasso di latteria di antica tradizione.

Altre attività Chiavenna e dintorni