Bormio

Dove soggiornare

Alberghi

  1. 5
  2. 4
  3. 3
  4. 2
  5. 1

Dove mangiare

Gustare la bresaola della Valtellina. Un salume delizioso e salutare, garantito dal marchio IGP, prodotto secondo le severe regole del disciplinare di produzione e nel rispetto della tradizione. Assaggiare le mele IGP di Valtellina, nelle varietà Golden Delicious, Red Delicious e Gala, un prodotto eccellente che presenta tutte le caratteristiche della mela di montagna: croccante, profumata, aromatica e succosa. Scoprire nel sapore del formaggio Bitto l'aroma delle erbe di montagna o degustare il formaggio Valtellina Casera, semigrasso di latteria di antica tradizione.

Bormio

Bormio, tra cultura, arte, tradizioni e sapori

Storia e arte

Bormio, famosa per lo sport, la natura e le terme, è anche uno dei gioielli artistici e culturali della Valtellina. Grazie alla sua posizione strategica, crocevia tra il nord ed il sud dell'Europa, è rimasta sempre autonoma e ricca, come si più notare passeggiando nel centro storico, dove i resti medievali si mischiano a quelli del XIV-XVI secolo. Lo dimostrano i palazzi, le torri, le chiese e le antiche case contadine, spesso adornate da portali in legno, inferriate e affreschi. Nella piazza principale, cuore pulsante del paese, spiccano la Collegiata dei SS. Gervasio e Protasio, il Kuerc, dove un tempo si amministrava la giustizia e la Torre delle Ore, dove rintoccava la Bajona, la grande campana che avvertiva la popolazione in caso di pericolo. 

 
 

Tradizioni

La storia e la cultura di Bormio si incarna anche nelle tante tradizioni popolari, spesso di origine contadina. Tra queste il Carneval di Mat, il Palio delle Contrade e i Pasquali. Quest'ultima manifestazione è unica nel suo genere e ha il suo cuore nella realizzazione di elaborate portantine a tema religioso. Nei diversi rioni del paese - Buglio, Combo, Dossiglio, Dossorovina e Maggiore, gruppi di giovani preparano il loro progetto, lo studiano nei minimi dettagli, dal significato religioso alla lavorazione artigianale dei materiali, nella quale falegnami, fabbri e artigiani esprimono il meglio della loro arte: lo scopo è quello di riuscire a creare il Pasquale più rappresentativo. Il giorno di Pasqua, i pasqualisti portano a spalla le portantine, mentre le donne e i bambini con i costumi tradizionali, completano la sfilata con fiori e prodotti artigianali. Una giurÏa stila infine una classifica in base a diversi criteri. Vengono valutati il significato religioso e il lavoro artigianale e artistico, senza dimenticare l'aspetto culturale e della  tradizione. I Pasquali restano in esposizione in piazza del Kuerc fino al giorno di Pasquetta. 

 
 

Sapori e artigianato

Una cucina semplice, dal gusto deciso, ispirata ai profumi della montagna. Pizzoccheri, sciatt, malfatti, senza dimenticare bresaola e slinziga, polenta taragna e cacciagione, formaggi, bisciola e miele che si sposano a meraviglia con i vini della Valtellina e con gli amari locali, su tutti Braulio e Taneda. L'utilizzo delle materie prime fornite dalla natura e dalla montagna è alla base anche dell'artigianato di Bormio. Il legno, la pietra, il ferro, il cuoio e la lana per la creazione dei pezzotti, sono solo alcuni degli elementi che si intrecciano per creare opere che si tramandano da secoli e che, con il tempo, sono diventati elementi di arredo e manufatti sempre più ricercati.