Livigno

Dove mangiare

Gustare la bresaola della Valtellina. Un salume delizioso e salutare, garantito dal marchio IGP, prodotto secondo le severe regole del disciplinare di produzione e nel rispetto della tradizione. Assaggiare le mele IGP di Valtellina, nelle varietà Golden Delicious, Red Delicious e Gala, un prodotto eccellente che presenta tutte le caratteristiche della mela di montagna: croccante, profumata, aromatica e succosa. Scoprire nel sapore del formaggio Bitto l'aroma delle erbe di montagna o degustare il formaggio Valtellina Casera, semigrasso di latteria di antica tradizione.

Livigno

Correre fino a toccare il cielo? In Valtellina si può.

 

Uno sport duro, durissimo, ma indiscutibilmente ricco di emozioni e suggestioni che ripagano di tanta fatica. Stiamo parlando dello skyrunning, un insieme di discipline sportive di corsa in montagna che si svolgono in quota su sentieri, morene, rocce o addirittura neve, l’asfalto deve essere inferiore al 15%, e a quote che possono raggiungere o superare i 4000 metri. Questa la definizione letterale. La poesia sembrerebbe avere un ruolo davvero marginale, eppure così non è. Gambe, testa e cuore…questo serve per essere un bravo corridore del cielo che si sia professionisti o appassionati. La Valtellina è terra di grandissimi campioni e campionesse di questa affascinante ed estrema disciplina in tutte le sue declinazioni. Adriano Greco - oggi guru indiscusso della corsa in montagna - con Bruna Fanetti insieme all’amico Fabio Meraldi sono, nei primi anni ’90, i precursori e i fondatori del movimento definito “Skyrunning”. La passione corre veloce, inarrestabile…tanto da rendere la Valtellina famosa nel mondo grazie ai nomi di atleti valtellinesi doc o naturalizzati tali quali: Elisa Desco, Valentina Belotti, Alice Gaggi, Elisa Compagoni, Lele Manzi e poi il grandissimo Marco De Gasperi. L’elenco è tutt’altro che completo. I titoli nazionali e internazionali fioccano, le sfide personali si fanno sempre più spettacolari e audaci, allo stesso tempo ricche di una costante ricerca interiore del proprio limite.

 
 

Se la Valtellina è stata e continua ad essere un inesauribile vivaio di talenti e altrettanto vero che è una palestra a cielo aperto per la corsa in montagna. Trascorso l’inverno con i pomeriggi che si fanno più lunghi basta mettersi le scarpette e uscire e sentirsi improvvisamente e letteralmente fuori dal mondo. La scelta di percorsi e di tipologie di percorso è ampia, inesauribile. Alcuni dei grandi atleti con passione e generosità sono diventati nel corso del tempo anche capaci organizzatori o comunque promotori di appuntamenti agonistici che contribuiscono ad arricchire la storia dello skyrunning. http://www.valtellina.it/it/attivita/sky-race

 
 

Il mese di giugno segna di fatto l’inizio di una serie di appuntamenti imperdibili per atleti professionisti e appassionati ai quali, oltre a tenacia e coraggio, è richiesto un allenamento specifico…non improvvisato. Il movimento è ormai nutritissimo e sono migliaia gli amanti della corsa in montagna. In Alta Valtellina si parte il 16 giugno con una tre giorni mozza fiato, nel vero senso della parola. Si inizia a Santa Caterina, il 16 giugno, con la 3° Santa Caterina Vertical Kilometer. Organizzazione è a cura dell’A.S.D. Santa Caterina VK e il direttore del percorso è niente meno che il veterano Fabio Meraldi per l’appunto.     Da Santa Caterina (1.739 m) a Costa Sobretta (2.739 m) si correranno 2,9 chilometri per 1.000 metri di dislivello positivo. Il percorso si svolge su prato, pascoli, e su sentiero detritico senza particolari difficoltà. Il tratto finale sarà attrezzato per garantire la sicurezza con una corda fissa, e posto sotto osservanza da parte dei responsabili del Soccorso Alpino e da una Guida Alpina. http://www.altavaltellinaskyrunning.com/it/santa-caterina-vertical-kilometer

 
 

Il giorno dopo, sabato 17 giugno, tutti a Livigno per la Skyrunning/Trail denominata Livigno Mini Skyrace a cura dell’ ASD Livigno Skymarathon. Il percorso, di circa 20 chilometri con 1000 metri di dislivello positivo, si svolge quasi interamente su sterrato, con il 40% su strade bianche e per il resto su sentieri di montagna “single track”. http://www.altavaltellinaskyrunning.com/it/livigno-mini-skyrace

 

Si chiude alla grande domenica 18 giugno. Ai nastri di partenza tutti i biga per la Livigno Skymarathon, 34 chilometri con 2700 metri di dislivello positivo firmati dal direttore di gara Adriano Greco. Il percorso, di una bellezza straordinaria, si svolge per lunghi tratti in ambiente selvaggio al confine col territorio svizzero, con passaggi in cresta esposti anche se parzialmente attrezzati e comunque sotto la sorveglianza di Guide Alpine e uomini del Soccorso Alpino. http://www.altavaltellinaskyrunning.com/it/livigno-skymarathon

 


Come detto gambe, testa e cuore…l’Alta Valtellina vi aspetta e ogni vostra fatica sarà ben ripagata.