Sondrio e dintorni

Dove mangiare

Gustare la bresaola della Valtellina. Un salume delizioso e salutare, garantito dal marchio IGP, prodotto secondo le severe regole del disciplinare di produzione e nel rispetto della tradizione. Assaggiare le mele IGP di Valtellina, nelle varietà Golden Delicious, Red Delicious e Gala, un prodotto eccellente che presenta tutte le caratteristiche della mela di montagna: croccante, profumata, aromatica e succosa. Scoprire nel sapore del formaggio Bitto l'aroma delle erbe di montagna o degustare il formaggio Valtellina Casera, semigrasso di latteria di antica tradizione.

Sondrio e dintorni

Il Carnevale in Valtellina: allegorie e maschere alpine

Il Toni, la Bernarda, l’Ammaestratore dell’Orso Bianco, il Paralitico: sono questi alcuni dei volti del Carnevale in Valtellina. Se, per esempio, ci fermiamo a Grosio, centro della media valle dalla significativa e spiccata identità storica e culturale, queste ed altre figure allegoriche, saranno le protagoniste indiscusse dei prossimi giorni. La festa degli eccessi per eccellenza bussa con insistenza alle porte dell’inverno per chiamare la primavera con quell’allegria fittizia che precede il tempo della penitenza, il tempo della Quaresima. Quel che è certo, comunque lo si voglia vivere, è che anche in Valtellina il Carnevale vanta antiche origini.

Accanto alle caricature dei protagonisti dei giorni nostri, c’è sempre, infatti, un’ attenzione - più marcata e intensa in alcuni centri della provincia - alla tradizione, di sicuro la più efficace in termini di espressività. Al di là del fascino delle sfilate, le cornici sono uniche: il cielo terso, le cime innevate e le antiche piazze dei paesi festosamente chiassose. Dai 1800 metri di quota di Livigno, percorrendo idealmente la Valle vi proponiamo le feste più suggestive.

 
 

A Livigno un trofeo dedicato al Carnevale

Quest’anno il Carnevale non si fa attendere. Nemmeno il tempo di archiviare il Natale ed è già ora - il prossimo 9 febbraio - di martedì grasso.
Ad aprire le danze, però, sarà Livigno il 4 febbraio con il Carnevale delle Contrade. Musica, colori e scherzi, ma anche tanta competizione, all’insegna dell’allegria si intende. Le storiche contrade di Livigno, infatti, si sfideranno per aggiudicarsi l’ambito trofeo del Carnevale 2016. Ad attendere i contradaioli, rigorosamente in costume, vi saranno numerose prove. Vincerà, infatti, la contrada che saprà essere più abile, più creativa, più fantasiosa nei costumi e nella maschere, così come nell’allestimento dei carri che sfileranno per le vie del paese.

Il programma prevede giochi e intrattenimenti anche per domenica 7 febbraio e per il martedì grasso.

10/02/2018 - 17/02/2018CARNEVALEIl Carnevale di Livigno è pronto a farvi divertire con una grande festa con animazione per bambini, divertenti sfide tra le storiche contrade del paese e sfilata dei carri allegorici e delle mascherine.

 

A Bormio viene spodestato il Sindaco

Verissimo il detto che a Carnevale ogni scherzo vale, tanto che a Bormio il 7 febbraio, giorno dedicato al Carnevàl di Mat, il Sindaco deve obbligatoriamente cedere il posto al Podestà di Mat. Il tutto avviene con tanto di incoronazione ufficiale. A questo punto vige l’anarchia, o meglio il potere passa nelle mani di Arlecchino e della Compagnia di Mat che danno pubblica lettura di tutti i pettegolezzi e le lamentele dei cittadini.

Nella bellissima piazza del Kuerc, infatti, vi è una cassetta nella quale i cittadini possono, nel corso dell’anno, depositare tutti i loro messaggi. La giornata prevede, verso mezzogiorno, una sfilata per le vie del centro. In testa ovviamente gli Arlecchini con i bambini che scortano il Podestà.
In piazza del Kuerc poi ci si sfida sul palo della cuccagna.

 

Ad Aprica coriandoli sulle piste

L’11 e il 13 febbraio ad Aprica il Carnevale va in scena con numerosi appuntamenti. Di certo la Festa par i Sciori - l’11 febbraio a partire dalle 20.20 - è da non perdere. Nella contrada di San Pietro infatti si potrà assistere alla festa in onore dei turisti che diventano protagonisti e testimoni di una fedelissima ricostruzione del passato con tanto di contradaioli in costume tradizionale affaccendando negli antichi mestieri. Una festa ricca di curiosi risvolti enogastronomici: saranno infatti offerti deliziosi dolci e bevande del passato.

Il 13 febbraio poi sfilata per le vie del centro e in serata, alle 19.30, la Fiaccolata di Carnevale grazie ai maestri di sci che daranno vita ad una spettacolare discesa.

Sabato 17 febbraio: h. 15.30 sfilata di Carnevale in maschera - ritrovo Centro Direzionale
sabato 17 febbraio: h. 19 fiaccolata di carnevale con distribuzione di vin brulè e chiacchiere loc. Campetti

TIRANO
Carneval TiranesDomenica 18 febbraio dalle ore 14.00.

 
 

Grosio festeggia mentre tutti gli altri fanno già penitenza

Con il Carneval Vecc di Grosio si conclude il fitto calendario degli eventi valtellinesi. L’appuntamento è la prima domenica di Quaresima, una data molto simbolica perché, mentre per tutti sono già iniziati i sacrifici quaresimali, la maschere grosine si concedono un ultimo momento di irriverente euforia. Come anticipato all’inizio di questa allegra carrellata, sono le maschere vecchie le vere protagoniste di un carnevale che merita di essere visitato e vissuto appieno. I volti dei personaggi della tradizione carnevalesca grosina vengono indossate ogni anno dalle stesse persone. Una tradizione che si tramanda. Un privilegio non da tutti.

In prima fila abbiamo la coppia composta dalle Magra Quaresima e dal Carneval Vecc – una vecchietta magra, vestita di stracci e un signore rubicondo e ben pasciuto – allegoria del passaggio dalle baldorie del Carnevale al rigore della Quaresima, seguita da altri travestimenti popolari tra cui l’Orso e la sua Accompagnatrice, la vecchia Bernarda che in una gerla trasporta un Poppante che spruzza la folla con il suo biberon pieno di vino e il Buffone Toni, l’Arlecchino di Grosio.
Ad accompagnare questo parata ovviamente non mancheranno i carri, satirici o fiabeschi, che molto spesso mettono in scena momenti importanti della vita del paese. 

Vedi http://www.grosio.eu/blog/10789/iscrizionicarnevalvecc2017/

 

A Sondrio, il Carnevale inizia al cinema

Quest’anno a Sondrio, nel capoluogo di provincia, il Carnevale inizia sabato 6 a cinema. Tutti in maschera per assistere alla proiezione gratuita del film Inside Out a partire dalle 15.00 presso il Cinema Excelsior.
A seguire vi sarà l’apertura ufficiale del Carnevale e domenica 7 febbraio, a partire dalle 14.00, tutti per le vie della città per assistere al passaggio dei carri.

Chiesa in Valmalenco: il 10 febbraio carnevale dalle 20 alle 24 al Palazzetto dello Sport

11 febbraio: sfilata di carnevale a Lanzada

 

Questa, dunque, una selezione di ciò che vi attende in Valtellina per l’ormai imminente Carnevale. Il calendario delle manifestazioni è molto ricco. Quasi in ogni centro della provincia, infatti, sono organizzati e promossi momenti di festa in maschera. Dipende da ciò che si cerca: se la tradizione e il folklore, oppure la moderna rappresentazione di una festa che resta comunque antica nella sua essenza.