Tirano e dintorni

Dove soggiornare

Alberghi

  1. 5
  2. 4
  3. 3
  4. 2
  5. 1

Dove mangiare

Gustare la bresaola della Valtellina. Un salume delizioso e salutare, garantito dal marchio IGP, prodotto secondo le severe regole del disciplinare di produzione e nel rispetto della tradizione. Assaggiare le mele IGP di Valtellina, nelle varietà Golden Delicious, Red Delicious e Gala, un prodotto eccellente che presenta tutte le caratteristiche della mela di montagna: croccante, profumata, aromatica e succosa. Scoprire nel sapore del formaggio Bitto l'aroma delle erbe di montagna o degustare il formaggio Valtellina Casera, semigrasso di latteria di antica tradizione.

Tirano e dintorni

Alla scoperta degli itinerari dello spirito in Valtellina

Un viaggio culturale che diventa un viaggio nell'anima. Anche questo si può fare in Valtellina. Molto più della scoperta di luoghi sacri, è l'occasione per trovare se stessi, lontani dallo stress e dai problemi quotidiani. Un momento di silenzio e riflessione in luoghi che sono, e sono stati, testimonianza di fede e passione cristiana.
Le chiese, i santuari, i conventi, le abbazie, gli eremi della Valtellina
offrono occasioni per vivere percorsi storici che diventano pellegrinaggi, da percorrere in parte o fino in fondo. Testimonianze di arte antica e di fede ardente. Luoghi sacri a portata di tutti o nascosti tra monti e valli, avvolti da un clima di suggestivo silenzio e pace. Arte e spiritualità in Valtellina si incontrano in un connubio unico e profondo, dove la ricerca del “bello” si sposa perfettamente con l'appagamento dell’anima, per coloro che ne sentono il desiderio. 

 
 

Oltre 500 edifici sacri in Valtellina, luoghi dell’anima.

 

Diversi gli stili architettonici che si ritrovano nei tesori della valle, accomunati da una semplicità secolare, appartenente alle radici del territorio valtellinese. Oltre 500 dimore sacre, custodi della storia, del lavoro e della fede vissuta, ma anche di leggende e tradizioni locali. Luoghi dell’anima da scoprire uno dopo l’altro in un percorso di ampio respiro tra le suggestioni della natura e le emozioni dell’introspezione. La Valtellina è per questo un luogo perfetto per riscoprirsi, passo dopo passo, stagione dopo stagione, in un cammino in equilibrio tra fede e spiritualità.

 
 

Il Santuario della Madonna di Tirano e l'anniversario dell'apparizione

 

Un’occasione rara, per iniziare il proprio cammino tra fede e spiritualità, è quella del prossimo 29 settembre a Tirano, crocevia tra l’Italia e la Svizzera, dove ogni anno si festeggia l’apparizione della Madonna, avvenuta nel 1504 al giovane Beato Mario Omodei. Il Santuario della Madonna di Tirano, proclamato nel 1946, da Papa Pio XII, patrono della Valtellina, sorge proprio dove il contadino tiranese ebbe la visione della Beata Vergine. Un luogo unico di religione e grazia, da decenni meta di pellegrinaggi. Ricco fino all’esuberanza di stucchi e sculture, conserva, al suo interno, un colossale organo, preziosa opera di intaglio iniziata nel 1608 e completata nel 1638. Un biglietto da visita eccezionale per Tirano, splendida cittadina di confine, colma di tradizioni e valori tramandati nei secoli.

Infine, a pochi chilometri da Tirano, a Grosio, è possibile anche visitare la chiesa di San Giorgio, risalente al dodicesimo secolo, una delle opere artistiche più rappresentative e interessanti della Valtellina.

Maggiori informazioni sulla Basilica della Madonna di Tirano lo puoi trovare qui:
www.valtellina.it/it/approfondimenti/chiese/basilica-della-madonna-di-tirano

 
 

Sondrio e dintorni: chiese e vitigni, testimonianza di fede e passione.

 

Nei dintorni di Sondrio si trovano due edifici di grande pregio artistico e religioso: il Santuario della Madonna della Sassella, a cui fanno da sfondo e contorno floridi vigneti terrazzati, da cui nasce il pregiato vino Valtellina Superiore DOCG Sassella, e l’imponente e maestoso Santuario della Casa di Loreto di Tresivio.

Due luoghi importanti della Media Valtellina, eccellentemente calati nel contesto naturale in cui sono stati eretti, capaci di suggestionare chi è di passaggio, per l’armonia e la storia che sanno trasmettere.

Scopri le meraviglie artistiche e religiose della Media Valtellina qui:
www.valtellina.it/it/attivita/chiese/sondrio-e-dintorni

 
 

Morbegno e le sue chiese

 

Discendendo la Valtellina, seguendo il corso del fiume Adda, accompagnati dalla bellezza costante dei versanti montuosi delle Alpi Retiche ed Orobie, tappa obbligata dell’itinerario è certamente Morbegno ed i suoi dintorni.
Tanti i luoghi di preghiera e di fede che nei secoli hanno accompagnato i valtellinesi nel loro cammino.

La Chiesa di San Giovanni Battista, per esempio, edificata nel 1680 e sita nel centro storico, caratterizzata da un’imponente facciata facilmente individuabile da chi guarda Morbegno dall’alto. Oppure quel che resta dell'antica Abbazia di San Pietro in Vallate, nel comune di Cosio Valtellino, un edificio romanico, cui era annesso in passato un piccolo convento, edificato nel 1078.

Informati qui www.valtellina.it/it/attivita/chiese/morbegno-e-dintorni sulle Chiese di Morbegno e dintorni

 
 

Valchiavenna, una valle di Fede

 

Senza dubbio alcuno la Valchiavenna è meritevole di una tappa durante i propri itinerari spirituali, specialmente per le sue chiese più antiche: dal tempietto di San Fedelino, del decimo secolo, a Santa Croce di Piuro, passando per la romanica San Martino di Aurogo.

A Chiavenna, invece, tra palazzi storici e bellezze artistiche, a dominare è la collegiata di San Lorenzo probabilmente risalente al quinto secolo dopo Cristo, con la sua preziosa fonte battesimale in pietra ollare del 1156.

Per sapere di più sulle chiese dalla Valchiavenna visita www.valtellina.it/it/attivita/chiese/chiavenna-e-dintorni