Valmalenco

Dove mangiare

Gustare la bresaola della Valtellina. Un salume delizioso e salutare, garantito dal marchio IGP, prodotto secondo le severe regole del disciplinare di produzione e nel rispetto della tradizione. Assaggiare le mele IGP di Valtellina, nelle varietà Golden Delicious, Red Delicious e Gala, un prodotto eccellente che presenta tutte le caratteristiche della mela di montagna: croccante, profumata, aromatica e succosa. Scoprire nel sapore del formaggio Bitto l'aroma delle erbe di montagna o degustare il formaggio Valtellina Casera, semigrasso di latteria di antica tradizione.

Valmalenco

Estate in montagna nei rifugi della Valtellina

 

Scopri i rifugi alpini valtellinesi e vivi la montagna al 100%. Tra gli oltre 60 rifugi sparsi sul territorio, si distinguono quelli facilmente raggiungibili e quelli che rappresentano il “campo-base” per raggiungere le più belle cime della Valtellina. I rifugi più accessibili sono l'occasione perfetta per organizzare una giornata in famiglia, anche con i più piccoli. Mentre per chi vuole affrontare percorsi e scalate più impegnative, il territorio valtellinese è ricco di vette che hanno fatto la storia dell'alpinismo.

Scopri di più: www.valtellina.it/it/attivita/rifugi 

 
 

Per tutte le famiglie, la Val Malenco offre una vasta scelta di rifugi raggiungibili in giornata dove spendere un week end immersi nella natura, rilassarsi e fare una salutare camminata. Il rifugio Bignami è aperto a partire dal 2 giugno per la stagione estiva. L’accesso estremamente facile da sud, da Chiesa in Val Malenco, offre la possibilità di raggiungere il rifugio agli amanti della montagna di ogni età. Ottima base d’appoggio per numerosi sport di montagna come: l’alpinismo classico, l’arrampicata sportiva, il canyoning, il trekking e la mountain bike.

www.rifugiobignami.it

 
 

Restando in zona, il rifugio Cristina è facile da raggiungere, meta molto richiesta dagli appassionati della montagna, dagli amanti della natura e da chi fugge dalla città cercando pace e tranquillità. Portateci i bambini più curiosi che, nel periodo di luglio ed agosto, potranno divertirsi con mucche, capre, cavalli, galline e maiali che pascolano e razzolanoi nei prati della zona. Durante il vostro soggiorno i proprietari e il personale saranno a disposizione per qualsiasi necessità e sapranno fornirvi informazioni utili sugli itinerari da percorrere.  

 
 

Spostiamoci più a nord e andiamo al rifugio Palù, che prende il nome dal famoso lago della Val Malenco. È facilmente raggiungibile in mezz'ora dall'arrivo della funivia o in un'ora dal parcheggio di San Giuseppe: visto l'arrivo dell'estate e dalle belle giornate il nostro consiglio è naturalmente quello di farvi una bella camminata, non troppo impegnativa, dalla località San Giuseppe. Potete anche fermarvi per un pranzo o una cena a base di prodotti tipici valtellinesi.

www.rifugiopalu.it

 

La Val Malenco vanta anche rifugi più impegnativi da raggiungere che rappresentano vere e proprie sfide per gli amanti della montagna e delle escursioni. Il rifugio Marco e Rosa si trova a ben 3600 metri s.l.m. ed è la struttura ricettiva più alta della Val Malenco. Si parte dal Rifugio Marinelli, a sua volta raggiungibile dalla diga di Campo Moro in circa 3 ore e 30 minuti.
Durante il vostro cammino preparatevi ad affrontare i cosidetti “sette sospiri”, diversi dossi che sembrano non finire mai. Anche solo i panorami che incontrerete per raggiungere il rifugio valgono l'impresa: vi troverete di fronte infatti, circa a metà strada, il gruppo del Bernina in tutta la sua maestosità ma anche tanti altri suggestivi scorci. L'itinerario verso la vetta continua e attraversa il ghiacciaio, è quindi consigliabile affidarsi ad una guida alpina. Una vera e propria sfida per gambe salde e cuori temerari ma in tutta sicurezza.

 

Il rifugio Del Grande Camerini (m. 2564) è conosciuto per la bellezza della sua posizione panoramica. Consente infatti, una volta in cima, di godersi al massimo il meritato riposo: posto ai piedi della piramide quasi perfetta della Cima di Vazzeda, è un ottimo punto panoramico sulla verticale parete nord del Monte Disgrazia. Può essere raggiunto da Chiareggio, nel comune di Chiesa Valmalenco, da tre comodi sentieri. Si parte dall'ampio posteggio situato lungo il greto del torrente Mallero, ci si dirige a Nord, imboccando lungo il fondovalle il tracciato sterrato che nel periodo invernale viene utilizzato come pista da sci di fondo. Superato il torrente che scende dalla valle del Muretto s'incontra un primo bivio: proseguendo diritto ci si immette in Val Sissone, da dove partono due delle tracce che conducono al rifugio; prendendo invece a destra si sale utilizzando il terzo percorso.

Per info: www.sondrioevalmalenco.it/03_escursioni/03_medie/Delgrande