Tirano

A un passo dal confine svizzero c'è Tirano, punto di partenza e arrivo del Trenino Rosso del Bernina, patrimonio UNESCO dal 2008.

Crocevia geografico, oltre che culturale, per l’incontro tra l’itinerario alpino, attraverso i Passi di Aprica e del Bernina, e la direttrice Milano - Alta Valtellina,  la Città Aduana accoglie gli avventori con un patrimonio storico - culturale di tutto rispetto.

Secondo la tradizione cattolica, il 29 settembre 1504, in un orto, la Madonna apparve al beato Mario Omodei, chiedendogli di edificare un tempio in suo onore. Nacque così il Santuario rinascimentale della Beata Vergine, l'unica Basilica della provincia di Sondrio.

Sulla piazza della Basilica si affaccia il Museo Etnografico Tiranese, mentre da uno sperone di roccia sovrastante la cittadina, si può ammirare la chiesetta di Santa Perpetua, antico xenodochio (ospizio gratuito per forestieri e pellegrini), con affreschi medievali. Poco più avanti, invece, sorge la chiesa di San Rocco. Facendo due passi nel centro storico, non passano inosservati i resti delle mura sforzesche con le porte Bormina, Milanese e Poschiavina, il castello di Santa Maria, il campanile della parrocchiale di S. Martino e il susseguirsi di edifici nobiliari, tra i quali  Palazzo Salis, Palazzo d’Oro Lambertenghi, oggi casa-museo.Tirano, 

Oltre ad essere città slow, a Tirano non manca neppure la possibilità di praticare sport. Gli amanti delle due ruote, ad esempio, possono sbizzarrirsi lungo uno dei tanti sentieri a mezza costa o il Sentiero Valtellina, approfittando del servizio "Valtellina Rent a Bike". Da provare poi, per gli amanti degli sport acquatici, il rafting lungo 'Adda

Info:  www.valtellinaturismo.com