Il nome Sondalo compare per la prima volta in documenti del XI secolo. Già alla metà del Trecento il borgo aveva raggiunto una grande importanza, testimoniata dall’esistenza di tre chiese: Sant’ Agnese, Santa Marta e Santa Maria. Feudo dapprima dei De Misenti e poi dei Venosta (metà XII sec.), ai quali si attribuisce la costruzione sul poggio roccioso a strapiombo sull’Adda del castello di Boffalora, il paese subì nel settembre del 1620, al tempo della rivolta contro i Grigioni, gravi devastazioni da parte delle truppe reto-svizzere, ma anche da parte di quelle spagnole, venute a contrastarle. 
Da vedere: i ruderi dei Castelli di Boffalora e Alundo, la chiesa parrocchiale di Santa Maria Maggiore, completata nella forma attuale nel 1895, e le chiese di Santa Marta (1300) con affreschi di Giovannino da Sondalo e di Sant’Agnese, risalente al 1100. Qui c’è anche il Complesso Monumentale e il Parco del Villaggio Morelli. Interessante per la flora, per l’habitat faunistico e per il suo stupendo percorso sci-alpinistico è la val di Rezzalo, collegata con la valle di Gavia attraverso il passo dell’Alpe (m 2461). 

Info: www.comune.sondalo.so.it