Chiese

 

Scoprite le oltre 500 chiese della Valtellina: fanno parte del paesaggio come i vigneti, i torrenti e le montagne. Perché non immaginate un itinerario alla scoperta di questi gioielli d’arte della Valtellina? Cominciate dalla rinascimentale Basilica della Madonna di Tirano edificata sul luogo dell'apparizione della Beata Vergine al tiranese Mario Omodei (anno 1504).  Dopo fate un salto a Chiavenna dove sorge la collegiata di San Lorenzo con una fonte battesimale in pietra ollare con figure  a mezzo rilievo che reca la data 1156; a Morbegno c'è il Santuario rinascimentale della Beata Vergine Assunta. Non dimenticate il tempietto di San Fedelino sul lago di Mezzola costruito attorno al decimo secolo, il Santuario della Santa Casa di Loreto a Tresivio  e i resti dell’Abbazia di S. Pietro in Vallate a Cosio Valtellino , mentre nei pressi di Sondrio c'è il Santuario della Madonna della Sassella: domina su uno sperone roccioso tra i vigneti terrazzati da cui nasce l'omonimo vino Valtellina Superiore DOCG.

Tempietto di San Fedelino

 

CONTATTIConsorzio Turistico Valchiavenna - 0343 37485 - consorzioturistico@valchiavenna.com -www.valchiavenna.com

INDICAZIONI:  il Tempietto si trova sulle sponde del Lago di Novate Mezzola. E' raggiungibile a piedi sia da Dascio (Sorico) sia dalla frazione di Casenda (Comune di Samolaco). Possibilità di traversata del lago in barca da Dascio o Verceia

 

DESCRIZIONE:
Il Tempietto, la cui costruzione è fatta risalire all´ultimo quarto del X secolo, è una minuscola navatella quadrata (m.3,46 x 3,52) completata da un´absidiola. Presenta due piccole porte d´ingresso, una a nord e una seconda a sud.  Esternamente l´abside è decorato con archetti ciechi e lesene in tufo e le mura sono state costruite in pietrame di varia natura, materiale reperito nei dintorni senza alcuna difficoltà, data la vicinanza di cave. La copertura è a capanna, con le piote simili a quelle ancora in uso sui tetti delle vecchie case della Valtellina. L´interno conserva i suoi preziosi affreschi solo nel semicatino absidale tra cui il Cristo Pantocratore e e due angeli.

CURIOSITA':
La vicenda della costruzione del Tempietto oscilla tra la storia e la leggenda. Pare che Fedele sia stato un soldato romano convertito al Cristianesimo. La sua passione racconta della sua fuga da Milano nel 284 d.C., con alcuni compagni, per sottrarsi alle persecuzioni di Massimiano. Costui, in un´epoca in cui il Cristianesimo si stava affermando e diffondendo con facilità tra le popolazioni, aveva imposto a dei soldati convertiti di sacrificare alle antiche divinità pagane; di fronte al loro rifiuto li fece imprigionare. Fedele, con il vescovo di Milano, Materno, facilitò la loro fuga verso Como e li accompagnò. Raggiunti, vennero tutti uccisi, tranne Fedele che solitario arrivò al lago, si imbarcò cercando scampo in un luogo che pareva sicuro e inaccessibile, ai piedi di una montagna presso Samolaco. Ma, anche lì, arrivarono i suoi persecutori: Fedele rinnovò il suo rifiuto di rinnegare la fede cristiana, per cui venne decapitato e lì sepolto. Nello stesso luogo la popolazione eresse un piccolo oratorio per conservare le reliquie del martire.