Sondalo
 

Il nome Sondalo compare per la prima volta in documenti del XI secolo. Già alla metà del Trecento il borgo aveva raggiunto una grande importanza, testimoniata dall’esistenza di tre chiese: Sant’Agnese, Santa Marta e Santa Maria. Feudo dapprima dei De Misenti e poi dei Venosta (metà XII sec.), ai quali si attribuisce la costruzione sul poggio roccioso a strapiombo sull’Adda del castello di Boffalora, il paese subì nel settembre del 1620, al tempo della rivolta contro i Grigioni, gravi devastazioni da parte delle truppe reto-svizzere, ma anche da parte di quelle spagnole, venute a contrastarle. Da vedere: i ruderi dei Castelli di Boffalora e Alundo, la chiesa parrocchiale di Santa Maria Maggiore, completata nella forma attuale nel 1895, e le chiese di Santa Marta (1300) con affreschi di Giovannino da Sondalo e di Sant’Agnese, risalente al 1100. Qui c’è anche il Complesso Monumentale e il Parco del Villaggio Morelli. Interessante per la flora, per l’habitat faunistico e per il suo stupendo percorso sci-alpinistico è la val di Rezzalo, collegata con la valle di Gavia attraverso il passo dell’Alpe (m 2461). 

Info: www.infosondalo.it

Attività di Sondalo

Sondalo

Dove soggiornare

Alberghi

  1. 5
  2. 4
  3. 3
  4. 2
  5. 1

Dove mangiare

Gustare la bresaola della Valtellina. Un salume delizioso e salutare, garantito dal marchio IGP, prodotto secondo le severe regole del disciplinare di produzione e nel rispetto della tradizione. Assaggiare le mele IGP di Valtellina, nelle varietà Golden Delicious, Red Delicious e Gala, un prodotto eccellente che presenta tutte le caratteristiche della mela di montagna: croccante, profumata, aromatica e succosa. Scoprire nel sapore del formaggio Bitto l'aroma delle erbe di montagna o degustare il formaggio Valtellina Casera, semigrasso di latteria di antica tradizione.