INIZIO PAGINA



Vai ai contenuti
Vai a "Macro aree"
Vai a "Pianifica la tua vacanza"
Vai a "Link utili"


Valtellina.it

VALTELLINA SITO UFFICIALE
VALTELLINA SITO UFFICIALE

lingue
CERCA


LE MACRO AREE

ARTIGIANATO E SAPORI
VOI SIETE QUI:  | HOMEPAGE  | ARTIGIANATO E SAPORI  | DETTAGLIO


CONTENUTI

Polenta taragna

Polenta taragna - Foto 1 Polenta taragna - Foto 2 Polenta taragna - Foto 3
 La polenta taragna o, semplicemente taragna, è un piatto tipico della cucina valtellinese. Il suo nome deriva dal "tarai" o "tarel", il bastone di legno che si usa per mescolarla all'interno del paiolo di rame in cui viene cotta direttamente sul fuoco a legna

Come altre polente della Valtellina è preparata con una miscela di farina gialla e farina di grano saraceno che le conferisce il tipico colore scuro. E’ un piatto ideale per le fredde giornate d’inverno, molto amato dai valtellinesi che usano ritrovarsi nelle baite di montagna o nei tipici "crotti" e scaldare la tavola con una fumante taragna.

Ingredienti:
- 350 grammi di farina di grano saraceno (farina nera o fraina);
- 250 grammi di farina gialla; 
- 700 grammi di burro d’Alpe;
- 600 grammi di formaggio valtellinese semigrasso "Casera";
- 3 litri d’acqua.

Preparazione:
Si metta l’acqua opportunamente salata nel paiolo e, a freddo, si aggiungano 250 grammi di burro. Ad ebollizione avvenuta, si versi, a pioggia, la farina gialla e poi quella nera cercando di amalgamare bene l’impasto sì da renderlo giustamente consistente poi si continui a mescolare per evitare che si bruci e si attacchi al paiolo.
Durante la cottura che deve protrarsi per almeno 45 minuti, si unisca un pezzetto per volta il rimanente burro e, quasi alla fine, vi si aggiunga il formaggio valtellinese, in parte vecchio, possibilmente il Casera, tagliato a fettine un po’ grosse e si dia un’ultima mescolata prima di capovolgere la polenta sulla "basla" (tagliere in legno).

Trattandosi di un piatto molto nutriente potrebbe essere considerato unico, tuttavia spesso si usa servire la "targa" accompagnata da insaccati tipici quali salame, salsicce o mortadella di fegato, sempre accompagnata da un generoso bicchiere di rosso di Valtellina.


  
Condividi

Logo attestante il superamento, ai sensi della	Legge n. 4/2004, della verifica tecnica di accessibilità.    progetto cofinanziamento dell'Unione Europea
Valtellina Turismo: Via Trieste, 12 - 23100 Sondrio - Tel. +39 0342 683470 - Fax +39 0342 519652 - turismo@valtellina.it



Torna inizio pagina
Vai ai contenuti
Vai a "Macro aree"
Vai a "Pianifica la tua vacanza"
Vai a "Link utili"